L'oceano delle onde che restano onde per sempre

by neil on impression

/
  • Streaming + Download

    Includes unlimited streaming via the free Bandcamp app, plus high-quality download in MP3, FLAC and more.

    ATTENTION: This album can be purchased at a lower price from Denovali Records. Please visit this link: http://bit.ly/1KIOb7g to purchase it!

      €10 EUR  or more

     

1.
07:39
2.
07:11
3.
4.
5.
02:05
6.
7.
8.
9.
10.
11.
12.

about

This album is also Loredana & Mauro, all the meetings we are made of, the knife that cuts the Didò, the frog that glides, Italo Calvino, the moms in business, the mouse in the blender, samba 1 and samba 2, The Castle of Crossed Destinies, the movies by Palella, the theory of the big snake, the sgugiotto bifustellato, Palomar, the figures sleeping, the holes room, the tale, the memory, le sea shark, dublin lisbon dublin, the infinite landscape, the water of the vintages, the magical and unrepeatable instant, the punctum, the teddy bears of death, the blooming, chinese people are fighting in the kitchen, the turkeys, the novel that enchants the chaos into world, angel-boy, the man who is loosing pieces, Ciro, Melanzana, Avril Lavigne, Waking Life, Chicco, the marmot-mole all slimy and gooey (black), spring, the flame and the crystal, Rillu, Lord Byron, Henry Cartier-Bresson, the 20th of February 2003 that wanted to be the 20th of March 2003, and inside the picture of a horse. So that nothing may be lost.

Questo disco è anche Loredana & Mauro, tutti gli incontri di cui siamo fatti, il coltello che taglia il Didò, la rana che plana, Italo Calvino, le mamme in carriera, il topolino nel frullatore, samba 1 e samba 2, il castello dei destini incrociati, i filmati del Palella, la teoria del biscione, lo sgugiotto bifustellto, Palomar, le figure che dormono, la stanza dei buchi, la fiaba, la memoria, lo squalo mare, dublin lisbon dublin, il paesaggio infinito, l'acqua dei vintage, l'istante magico ed irripetibile, il punctum, gli orsetti della morte, la germogliazione, i cinesi che combattono in cucina, i tacchini, il romanzo che incanta in kaos in mondo, Angel-Boy, l'uomo che perde pezzi di sé, Ciro, Melanzana, Avril Lavigne, Waking Life, Chicco, il marmotto-talpo tutto lumacoso e viscido (nero), primavera, la fiamma e il cristallo, Rillu, Lord Byron, Henry Cartier-Bresson, il 20 febbraio del 2003 che voleva essere il 20 marzo del 2003, e dentro la foto di un cavallo. Affinchè nulla vada perduto.

credits

released December 11, 2008

Guitar, Drums, Voice, Percussion, Hands – Alessio
Piano, Accordion, Glockenspiel, Keyboards – Ando
Bass – Campuz
Drums, Percussion, Hands – Sbarbie
Electric Guitar, Acoustic Guitar – Bianco
Saxophone, Trumpet, Organ, Keyboards, Effects – Paride
Cello [Violoncello] – Veronica
Violin – Valentina

Recorded By – Franco Naddei

Artwork By – Chiara Veggetti

Mixed and Mastered By – Riccardo Pasini

Labels – Denovali Records ‎(DEN21), Holidays Records ‎(HOL 016), Sons Of Vesta ‎(SOV026)

tags

license

all rights reserved

about

neil on impression Forli, Italy

Neil on impression is a post-rock band from Forlì, founded in 2002.
It's an 8 member instrumental group, that played across Europe over the years and released three albums.
They shared members with Raein, Riviera, and Dags.

contact / help

Contact neil on impression

Streaming and
Download help

Track Name: Irlanda
In the darkness with no memory of the abyss, the night lies down and sinks. The freezing and silent sea falls in love with the light and movement, when its song spreads all over the endless spaces. You look at the sky, with that endless melody flowing inside you, like the breath of an enormous supine Being. It looks like it's asking: - When will you accept my call? -

Nell'oscurità senza memoria degli abissi, la notte si adagia e sprofonda. E' della luce del movimento che il mare gelido e silenzioso si innamora, quando stende il suo canto negli spazi sconfinati. Ti sollevi a cercare il cielo e dentro scorre quella melodia senza tempo, simile al respiro di un enorme Essere supino. Sembra domandare: - Quando accetterai il mio richiamo? -
Track Name: Barone
A man runs, trying to reach the limit of the place where he is. Although struggling, slower or faster, turning right or left, he cannot reach any place. There is no shadow to orient himself, and no sun to observe, He's scared of closing his eyes, not to lose any sign or indication. He keeps on running, almost without energy. And suddenly he collapses, falls on his knees and surrenders, closes his eyes and lies on the ground. And from the darkness of his closed eyes, a germination of lights patterns the sky and draws its sense.

Un uomo corre, cercando di raggiungere il confine del posto in cui si trova. Per quanto si sforzi, più lento o più veloce, più a destra o più a sinistra, non riesce ad arrivare in nessun luogo. Non c'è ombra per orientarsi, né cielo da osservare. Teme perfino di chiudere gli occhi, per paura di non cogliere qualche segno, qualche indizio. Egli procede ancora correndo, al limite delle forze. Quand'ecco che crolla, in ginocchio, e si arrende, chiude gli occhi e si abbandona a terra. E dal buio del suo sguardo chiuso, un germoglio di luci punteggia il cielo e ne disegna il senso.
Track Name: Il faro e la balena
A man and a woman are alone in a big archive. Every room is full of shelves. It's almost night. They try but cannot reach each other. By doing it, they would discover they have a body, and that everything adapts and consumes. They cannot speak but they give signals. Tehy take books from the shelves and leave them open on the ground. Every page contains photo and data. In the pages they choose, they try to look each other in the eyes, but any time they have a different face, a different story, a different name. Any time, in every book, they meet for the first time. They tell each other, are amazed and get angry, they come closer and miss each other. In this way, through other people, they love, like angels. Without existing.

Un uomo e una donna sono soli in un grande archivio.
Ogni stanza è piena di scaffali. È quasi buio.
I due si cercano ma non riescono a raggiungersi.
Trovandosi, scoprirebbero di avere un corpo, che ogni cosa si adegua e si consuma.
Non possono parlarsi, ma si danno segnali.
Tolgono volumi dagli scaffali e li lasciano aperti sul pavimento.
Ogni pagina ha una foto e dei dati. In quelle pagine scelte cercano di guardarsi negli occhi, ma ogni volta hanno un volto nuovo, un'altra storia, un altro nome.
Ogni volta in ogni libro si incontrano per la prima volta.
Si raccontano, si stupiscono e si fanno arrabbiare, si avvicinano e si mancano. In questo modo, attraverso gli altri, come angeli, si amano.
Senza esistere.
Track Name: Il giardino dei riflessi
I close my eyes and start to dream... That every face I met and everything my hands have known get on that carousel that makes them go around and puts them in front of each other. On that same carousel, I open my eyes and start to dream...

“Chiudo gli occhi e comincio a sognare…
Che tutti i volti che ho incorniciato e tutte le cose che hanno provato le mie mani
salgano su quella giostra che li fa girare attorno e li mette uno di fronte a l’altro.
Io stesso, su quella giostra, apro gli occhi e comincio a sognare…”
Track Name: Glarontrlkla
There is a place where everything happens: people embracing, cities burning, deserts moving and glances stopping. Inside that place every disgrace happens, like the poorest thing; the most epiphanic encounters take place there, coincidences are resolved and dialogues are carved in silence. In that place everything happens, and also the last event will. It is that elusive and infinite space separating the paths of everyone and then bringing them near, laughing at the way you can walk the same steps without ever meeting. Time, it's the empty space we breath while waiting to be the last ones.

Esiste un luogo dove tutto si compie:
le persone si abbracciano, le città bruciano, i deserti si muovono e gli sguardi si fermano.
In quel luogo si compie ogni disgrazia, come la cosa più misera;
e lì pure avvengono i più epifanici incontri, si risolvono le coincidenze e si ramificano le differenze, i dialoghi si incidono nel silenzio. In quel luogo avviene ogni cosa, e lì avverrà l'ultimo evento.
Esso è quello spazio inafferrabile e infinito che di ciascuno separa i sentieri e li avvicina, per farsi beffa di come si possano muovere gli stessi passi senza incontrarsi mai. Tempo, è il vuoto che respiriamo aspettando di essere ultimi.
Track Name: Centimetri davanti all'orizzonte
There is a person, standing still in a spot, a round spot, opened to every possibility, looking all around himself. Around him there are memories, bits of people, pieces of wood and strings to bind the memory. There are words, laying on the ground, letters as big as trunks, shrubs of vowels forming bushes. All around him there is all the space he left behind, everything he went through. If he moves his feet and looks ahead, he sees one thing: the sharp line of the horizon. Though trying, he cannot see its end. So he turns once again to look at the fragments, to look at the bits on the ground, still, trying to carve his soul again with the enormous letters, with those pieces of wood, that are rough, wet, dry smooth memories. With the corner of his eyes he looks for the horizontal limit of the world, in front of him, He stands still and doesn't make a move forwards or backwards. He embraces the limit of the place where he is. Imperfect, he hans between every place and no place. He carries a soaked melancholy on him, simple and deep in some way: wonderful. And he realizes he is moving.

C’è una persona che sta ferma in un punto, un punto rotondo, che si apre a tutto il possibile, che guarda tutto quanto attorno.
Attorno ci sono sparsi ricordi, ci sono sparsi assaggi di persone, pezzetti di legno e spago a legare la memoria.
Ci sono parole distese a terra, lettere grandi come tronchi, arbusti di vocali a formare cespugli.
Attorno c’è tutto lo spazio lasciato indietro, quel che ha percorso.
Se ruota i piedi e guarda avanti c’è una cosa che osserva: la linea pungente dell’orizzonte.
Benché si sforzi, non riesce a vederne la fine.
E allora si volta, a riguardare i cocci, a riguardare gli assaggi a terra, immobile, a cercare di nuovo di scolpirsi l’anima con quelle lettere enormi, con quei pezzi di legno che sono ricordi ruvidi, bagnati, secchi, levigati.
Con la coda dell’occhio cerca il finale orizzontale del mondo, davanti a sé.
Rimane fermo e non fa un passo, né avanti né indietro.
Abbraccia il limite del posto in cui si trova.
Imperfetto, rimane in bilico tra tutti i posti e nessun posto.
Addosso porta madida malinconia, semplice, profonda. A suo modo: bellissima.
E capisce che si sta muovendo.
Track Name: I deserti si muovono
When we arrived at the end of what we knew, we found an enchanted garden. Memories and images of the future where flourishing there. At the end of the path there was a nest of roses and above it was the source of the rainbow we were following from the beginning. We glanced a each other with tears in our eyes. The fate decided that that garden had to be at the end of our journey. What we were seeing was just ourselves.

“Arrivati ai confini del conosciuto ci imbattemmo in un giardino incantato.
Lì fiorivano i ricordi e le immagini del futuro.
In fondo al sentiero stava un nido di rose e sopra di esso la sorgente dell’arcobaleno che avevamo seguito sin dal principio. I nostri sguardi si incrociarono commossi:
il fato voleva che alla fine del nostro viaggio vi fosse quel giardino. Quello che in realtà vedevamo non era altro che Noi stessi.”
Track Name: Nella tempesta di aquiloni
I walked for a long time through a nameless desert. My body is exhausted, I am not going to resist much. Suddenly, in the middle of the procession of the sand faces that I saw thousands of times, you appear. I try to speak, but no sound comes from my mouth, dry as the desert that I am fighting. I have been waiting so long for this moment, and now I cannot make a sound. But when I am about to scream, a deaf scream that I will only hear inside my head, the words I cannot say surround you, like a wind, a dance made of sand embracing and holding us tight to each other. We don't need to walk anymore, this wind will take us over the horizon, in a place where we have never been, but that we perfectly know.

Ho camminato a lungo in un deserto senza nome. Il mio corpo è provato, non potrò andare avanti ancora per molto. E all’improvviso, nella processione dei volti di sabbia che vedo passare per la millesima volta, mi appari tu. Provo a parlarti ma nessun suono esce dalla mia bocca, arida come il deserto che sto combattendo. Ho aspettato tanto questo incontro, e ora non riesco a pronunciare nessun suono. Ma quando sono sul punto di gridare, un grido sordo che sentirò solo nel mio cervello, le parole che non riesco a dirti ti circondano, come un vento, una danza di sabbia che ci avvolge e ci stringe l’uno all’altro. Non abbiamo più bisogno di camminare, questo vento ci porterà oltre l’orizzonte, in un luogo dove non siamo mai stati, ma che conosciamo benissimo.
Track Name: L'esercito di carta muove a oriente
When he reached the top of the tree, he arrived to an hanging city. In this city the roofs reached the vault of heaven, as in the tower of Babel. Who descends the abyss of Death and climbs up the tree of Life, gets to the city of Possible, where everything is admired and choices are made. Story of a sepulchre thief. From "The castle of crossed destinies" by Italo Calvino.

Sulla cima dell'albero, il nostro giunse ad una città sospesa. Era una città i cui tetti toccavano la volta del cielo, come già la torre di Babele. Chi scende nell'abisso della morte e risale l'albero della vita, giunge alla città del possibile, dove si contempla il tutto e si decidono le scelte. Storia di un ladro di sepolcri.
Track Name: La città del possibile
Nobody knows the end of the story of the man losing pieces of himself. Some say that the pieces, once lost, lay on the ground, blooming in strange blossoms. Some say that other people collects them like a present, spreading them endlessly. Another question then regards the man, who continues losing pieces. If these do not grow again, he will soon or later vanish, extinguishing himself in a cosmic invasion of pieces of himself. Someone thinks instead that the pieces will grow stronger in the man. These people are lying: the pain made them forget the loss and hold their pieces close. The dreamers think that the pieces will sooner or later come back to the man, becoming his memories. Some say they saw him passing by. He had a candid aspect. He was smiling.

Non si sa come finisca la storia dell'uomo che perde pezzi di sè.c'è chi dice che i pezzi, una volta persi, rimangano a terra e fioriscano in strani germogli.
chi sostiene che vengano raccolti da altri come un dono, e si diffondano all'infinito.
c'è poi da chiedersi cosa accada all'uomo, che continua a perdere pezzi. se questi davvero non ricrescono, lui si troverà presto o tardi a svanire. ad estinguersi in una invasione cosmica di pezzi di sè.
alcuni pensano che le parti perse invece ricrescano più forti nell'uomo. costoro mentono. il dolore ha insegnato loro a dimenticare la perdita e tenere strette le proprie estremità.
i sognatori credono che i pezzi di sè, prima o poi ritornino all'uomo, carichi di strada, e diventino i suoi ricordi. alcuni dicono di averlo visto passare. aveva un'aria candida. sorrideva.
Track Name: Perde pezzi di sé
A mand and a woman meet each other in a dream. They don't know each other and cannot touch, because an enormous empty space divides them. They try to speak, but they are mute. Every night they dream each other, and every day they wait for the night to see if they can communicate. One day they try to stop speaking when they are awake, to have words in their dreams. They start a game of theft, stealing themselves the same words they will use in their dream. But they speak two different languages and cannot understand each other. But, the words that they say, thoufh impossible to understand, become small threads, strings intertwining and connecting them in a thin but incredibly strong bond. Everyday they keep silent. and every night they speak without understanding each other, because they know that one day that bond will be strong enough to fill the empty space that divides them. And they will be able to hug each other, mute and happy, in an embrace that will five a meaning to all the words they said.

Un uomo e una donna si incontrano in un sogno. Non si conoscono, non possono toccarsi perché sono separati da un vuoto enorme. Cercano di parlare, ma scoprono di essere muti. Ogni notte si sognano, e ogni giorno aspettano la notte per provare a comunicare. Un giorno decidono di smettere di parlare da svegli, per avere parole nei sogni. Iniziano così un gioco di sottrazioni, in cui rubano a sé stessi le parole che pronunceranno nel sogno. Ma parlano due lingue diverse, e non si possono capire. Eppure le parole che ognuno pronuncia, incomprensibili all’altro, diventano fili sottili, lacci che si intrecciano e li stringono l’uno all’altra in un legame sottile ma incredibilmente forte. Ogni giorno restano in silenzio, e ogni notte continuano a parlarsi senza capirsi, perché sanno che un giorno quel legame sarà talmente forte da colmare il vuoto che li separa, e potranno stringersi, muti e felici, in un abbraccio in cui tutte le parole che si sono detti avranno finalmente un significato.
Track Name: Parata per quattro addii
When does people really change? The ones you knew? The ones you thought you knew? Or the ones that you really know? That becomes older, wiser, uglier, prettier, funnier, more attractive, more humble, more coward. When does it happen? Someone told me that there is a red thread inside of us, that when you once know a person, you will always know him. That how much time ever passes, has passed, will pass you can always find yourself back to that red thread. So many people I have left behind, so many red threads laying loose somewhere, that are waiting to be picked up. And I wonder, did you change, are you still the same, are we still as we were? Can I still find the red thread inside of you?

Quand'è che le persone cambiano davvero? Quelle che pensavi di conoscere, quelle che davvero conosci? Quand'è che diventano più vecchie, più sagge, più brutte o più affascinanti, più divertenti, più umili o più vigliacche. Quando accade? Qualcuno mi ha detto che c'è un filo rosso dentro di noi, che una volta incontrata una persona fino in fondo, la conoscerai per sempre, che per quanto tempo sia passato, passi o passerà potrai sempre ritrovarti davanti a quel filo. Così tante le persone che mi sono lasciata alle spalle, così tanti fili rossi che se ne stanno sciolti da qualche parte e aspettano di essere raccolti. E mi chiedo, sei cambiato, sei sempre lo stesso, siamo ancora come eravamo? Posso ancora trovare il filo rosso in te?